Centro Reiki tradizionale giapponese Sardegna

Centro Reiki tradizionale giapponese Sardegna

A proposito di Reiki




La pratica Reiki può essere definita un «lavoro su di sé», una coltivazione della mente e del corpo, una
tecnica per elevare la propria coscienza, un addestramento della sensibilità, una disciplina che si pone
innanzitutto due obiettivi: l’acquisizione di un maggior grado di consapevolezza e il recupero del senso dell’essere precedentemente oscurato dalle vicissitudini della vita.
Per farvi un esempio prendiamo spunto da un famoso Koan Zen:




“Qual era il tuo volto prima di nascere?” Questo koan Zen, ossia qual era il senso originale dell’essere, la gioiosa sensazione di esistere, che è collegata al fatto stesso di stare al mondo e che viene oscurata dalle mille preoccupazioni e dalle attività materiali e mentali dell’uomo adulto?”




Dal sunto di questo Koan si evince che la pratica Reiki ha come direzione il recupero di questa «sensazione di piacevolezza», questo sentimento di essere “a proprio agio” qui e ora, di essere parte integrante del tutto, di trovarsi a casa propria (e non in un luogo straniero.
Questo è uno dei compiti fondamentali, lo scopo della disciplina del Reiki, che mi piace definire.. strumento di felicità.
C.P https://www.komyoreikiiglesias.it/tecnica-apprendimento-reiki/

Corsi Komyo Reiki e Gendai Reiki su richiesta

Tutto ciò che so, e che in coscienza trasmetto con il Reiki è frutto di anni di studio e approfondimento sia teorico che pratico, unito ad un continuo allenamento, anche nella condivisione con gli altri.
Oggi Reiki è la mia direzione, migliorare giorno dopo giorno, e, allo stesso tempo, aiutare gli altri a risollevarsi, e migliorare la propria vita, con l’utilizzo consapevole di questa meravigliosa disciplina.
Generalmente i nostri corsi sono fatti su richiesta, in questi link trovate come contattarci: https://www.komyoreikiiglesias.it/contatti/ https://www.facebook.com/centroreikisardegna/?ref=pages_you_manage

Perché recitare i cinque principi reiki in giapponese?

Perché recitare i cinque principi in giapponese?
Perché è bene conservare con le caratteristiche originali con cui sono stati appositamente concepiti, abbracciamo anche una impostazione filosofica, un tipo di concezione della vita che quei suoni veicolano.
Per fare un esempio, forse più comprensibile: se pratichiamo lo Yoga non stiamo semplicemente facendo ginnastica, anche se la nostra ginnastica occidentale ha in parte gli stessi effetti e obiettivi. Facendo Yoga abbracciamo anche un particolare punto di vista che coinvolge una trasformazione del nostro modo di porci verso l’esistenza. Non servirebbe “tradurre” lo Yoga in una forma ginnica occidentale, come non vale l’obiezione: “esistono tante forme di ginnastica o di sport in occidente, perché andare a scegliersi una pratica giapponese?” Evidentemente si sceglie quello che si ritiene di poter condividere e che si sente che ci fa bene..
Se ci pensate ogni lingua ha la sua massima risonanza se espressa in modo originale, ad esempio le barzellette fanno ridere solo se vengono raccontate in dialetto, non è vero?

Shofuku no Hiho –  Il metodo segreto per invitare la felicità
Mabyo no Reiaku– la medicina miracolosa per curare tutte le malattie.

(kyo dakewa) Solo Oggi

(Ikaruna) Non Arrabbiarti

(Shinpai suna) Non Preoccuparti

(Kansha shite) Con Gratitudine

(Gyo wo hageme) Lavora diligentemente
( Hito ni shinsetsu ni) Sii gentile con gli altri


https://www.komyoreikiiglesias.it/corsi-komyo-reiki-e-gendai-reiki-su-richiesta/

Trattamento Reiki riequilibrante

“Nonostante non possiamo considerare Reiki come solo un trattamento è importante sottolineare che il trattamento sugli altri ed a se stessi è alla base del metodo. Il tocco leggero esprime amorevolezza, il rilassamento il lasciar andare le tensioni, le sensazioni il calore percepito ci riportano indietro nel tempo quando amorevolmente la madre si prendeva cura di noi.. il trattamento è infatti un azione di massima attenzione nei confronti degli altri e di se stessi. Per me fu il primo trattamento a cerare l’imprinting che mi ha spinto ad andare avanti in questo percorso.” C.P
Di seguito potete ascoltare i 5 principi recitati da Hiroshi Doi

Mail: centro.reiki.sardegna@gmail.comhttps://www.komyoreikiiglesias.it/trattamenti-reiki/trattamenti/

A proposito di Reiki

Nel Reiki, se sei ben preparato, tutto ciò che sperimenterai non sarà casuale, ma un dono dell’universo. Usui Reiki Ryoho è una chiara indicazione di dove dovremmo andare, come procedere e quali mezzi di trasporto usare.. Come praticanti reiki, dovremmo prima comprendere gli insegnamenti di Usui, l’origine e lo scopo del reiki tradizionale.
Indipendentemente dal tipo di esperienze che incontriamo nella vita, credo che l’universo abbia un cuore stabile, cos’i il praticante sintonizzandosi con l’informazione dell’energia primaria acquista maggior fiducia ed impara senza alcun timore a lasciarsi guidare, è così inizia a percepire se stesso come parte di un  qualcosa di più grande, grande quanto l’energia dell’universo in cui l’amore e l’armonia sono la prerogativa e le fondamenta di questo fantastico percorso. Il compito di un’insegnate non si esaurisce nel corso, ma consiste nel creare continue opportunità di pratica, in cui spiega e da esempio di come utilizzare e trarre il meglio dalle tecniche, dai principi, dai motti, così da facilitare questo processo di crescita in relazione all’energia Reiki
. ” Quando dentro di te ti senti completo a tutti i livelli – fisico, mentale  e spiritualmente – sei veramente sano. Questo non è così lontano, è dentro di te.”

“Non limitarti a fare del Reiki qualcosa che hai, rendilo qualcosa che fai, o meglio ancora, qualcosa che SEI!
Sii Reiki”. Cit.Carlo Planta ( Shihan Komyo ReikiDo )

https://www.komyoreikiiglesias.it/tecnica-apprendimento-reiki/