Komyo ReikiDo Magazzine- Gennaio 2017

Komyo ReikiDo MAGAZINE ESPERIENZE REIKI di Carlo Pianta Mi presento sono Carlo Planta vivo in Sardegna e abito ad Iglesias, un antica cittadina di origine Medievale che sino a diversi anni fa viveva dello sfruttamento di ricchi giacimenti minerari ormai in completo esaurimento. Nel 2012 stavo malissimo sia dal punto fisico che mentale, avevo perso il lavoro a causa del mio stato fisico e la cosa mi fece cadere in una forte depressione che di certo non contribuiva alla mia guarigione, mi ero completamente arreso, passavo i miei giorni chiuso in casa in solitudine. Allora non conoscevo nemmeno l'esistenza del Reiki ma il caso, se così vogliamo dire, volle che una infermiera venne a casa per curarmi e un bel dì senza nemmeno spiegarmi di cosa si trattasse mi disse: sdraiati sul divano ti faccio una cosa che potrebbe farti bene. Inutile dire che ero completamente arreso quindi ero pronto ad accettare qualsiasi cosa pensassi potesse farmi bene o almeno darmi un attimo di sollievo. Vissi quella prima seduta di Reiki molto profondamente, sentivo bellissime sensazioni e un diminuire delle mie preoccupazioni, ansie e dolori. In quel periodo iniziai a ricevere Reiki una volta alla settimana iniziando così a credere che mi potevo riprendere. Dopo circa un mese presi il primo livello occidentale e man mano la mia passione per questa disciplina cresceva sempre di più; volevo continuare il percorso intrapreso perché lo sentivo nel profondo della mia vita. Qui iniziarono i miei primi problemi con la mia insegnante: infatti ogni volta che le facevo delle domande mi diceva leggere meno: “altrimenti ti confonderai, in internet scrivono tante fesserie per fare soldi”. Inutile dire che ero incappato con la vecchia storia la quale raccontava che Usui era un monaco cristiano con un insegnante che portava un nome di una Divinità Indiana a suo dire canalizzato per lei dal suo insegnante. Dopo questo episodio decisi finalmente di pensare con la mia testa e come mi aspettavo tale decisione fu in contrasto con il modo di insegnare della maestra. Passati sei mesi di auto-trattamenti ed incontri con altre persone che organizzavo a casa mia per lei e ovviamente per me, mi resi conto di avere a che fare con una persona con un personalità egocentrica spiccata che non faceva che ostacolare i miei progressi; di conseguenza decisi di lasciarla e prendere il secondo livello con un’altra maestra che venne a casa mia dandomi il secondo livello occidentale in un giorno senza lasciarmi né dispensa né attestato. Preso coscienza di ciò, capii che la strada da percorrere non era quella giusta per progredire , ripresi le ricerche con più determinazione; d'altronde ero disposto a spendere le mie ultime risorse per perseverare nel la mia guarigione e per una disciplina di cui mi ero innamorato, nel senso che in quel momento era l'unica cosa che avevo e in fondo, in questa parte di percorso, avevo capito che la responsabilità della mia guarigione non poteva essere se non nelle mie mani. Nonostante tutti questi problemi dubbi e incertezze non smisi mai di farmi trattamenti per tutti questi anni di ricerca .... Qui in sintesi vi descrivo la mia esperienza, la premessa fatta credo sia fondamentale per comunicare alle persone che si avvicinano al Reiki di perseverare e se sentite che quello che avete trovato non risuona col vostro essere andate avanti perché se lo vorrete veramente con tutte le vostre forze troverete quello che cercate fatto da persone serie ed equilibrate, e badate bene qui non voglio togliere niente a nessuno stile Reiki ma voglio solo dire che esistono insegnanti ed insegnanti equilibrati, sobri che vi porteranno a essere liberi nella pratica per come la sentite. Sì perché, in fondo, il Reiki è fatto di libertà, rispetto, armonia, amore e guarigione per tutti. Il mio percorso col Reiki, ma soprattutto perché ho scelto lo stile del Komyo. Premetto che il mio non è un giudizio, infatti penso che ogni stile Reiki abbia la sua valenza energetica e quindi le proprie funzioni. Ho compreso che a fare la differenza di ciascuna pratica è l’applicazione e non meno importante è l’operatore, bisogna trasmettere la passione che si nutre, così come nel Reiki anche nella vita. Nel mio lignaggio energetico ho avuto diversi insegnanti, ad essere più precisi ho sperimentato nel primo e secondo livello con due insegnanti che mi hanno trasmesso Reiki Occidentale … Ma questo non mi faceva sentire soddisfatto, forse perché sentivo troppa enfasi nei loro insegnamenti o forse perché dovevo trovare ciò che era più in risonanza con me. Quindi cambio insegnante per la terza volta, il tutto con non poca sofferenza, voglio dire: cambiare insegnante non è stato facile anche perché nonostante il Reiki fosse diventato sin dall’ inizio una vera passione, era anche una fonte verso il miglioramento evolutivo personale. Con la terza e finalmente ultima insegnate sono trovato bene. Da qui mi ritrovai a ripercorrere tutto dall’inizio fino ad arrivare al terzo livello. A questo punto ricevo le iniziazioni del Komyo Reiki, ma contemporaneamente ricevo gli insegnamenti della Gendai Reiki di cui ho un ottima opinione e stima. La scelta del Komyo deriva, inizialmente per risonanza e semplicità, poi per praticità e tempi… qui bisogna specificare che l’associazione nazionale, che non menziono per rispetto, ha dei tempi abbastanza lunghi e in oltre delle pretese verso gli insegnanti che possono essere anche giuste ma che non possono essere uguali per tutti, per motivi di soldi e spostamenti visto che si trovano oltre mare. Quindi prendo definitivamente la scelta Komyo, anche perché l’associazione nel contempo insegnava principalmente Reiju Komyo con infarinatura Gendai dal punto di vista della tecnica. Concluso il quarto livello insegnante nella Komyo Reiki Kai Italia, mi ritrovai a partecipare con grande onore e felicità, insieme ad altri 30 insegnanti, al seminario del fondatore del Komyo Reiki Hyakuten Inamoto. Indescrivibile l’energia e la capacità del sensei Hyakuten di trasmettere insegnamenti e Reiju a così tante persone. Un’ esperienza unica e che, senza dubbio, ha ripagato le mie scelte sia dal punto di vista finanziario che evolutivo come insegnate. Infine voglio ringraziare la nostra Presidente Italiana della Komyo Reiki Italia Chiara Grandi per avermi sempre sostenuto con grande fiducia nelle attività che svolgo e per avermi accolto a tutti i suoi seminari che si sono svolti in Sardegna ridandomi tutti i livelli così da permettermi di avere le idee sempre più chiare su quello che Insegno in modo da mantenere lo stile Komyo invariato da come mi è stato trasmesso da coloro che riconosco, in quest'avventura, come i miei principali maestri : Hyakuten Inamoto e Chiara Grandi. Ghassho _/\_ Il Magazine è una rivista sesmsestrale della Komyo RikiDo Italia. E' intressante ricca di esperienze e riflessioni .. isi può scaricare gratutamnete cliccando sul link che sesgue.. buona lettura http://www.chiaragrandi.it/gennaio2017.pdf

Lascia un commento